skip to Main Content
Via De Marchi 4/2 - 40123 - Bologna +39 051 580281 info@adise.eu

Ritorno alla professionalità: il parere di Giuseppe Pavone

Ritorno Alla Professionalità: Il Parere Di Giuseppe Pavone

Il Corso per Collaboratori di Potenza ha visto tra i relatori Giuseppe Pavone, che, per l’occasione, ha rilasciato un’intervista all’Adise. Direttore, come è andata la lezione? Di cosa avete parlato? Direi molto bene, abbiamo parlato della figura del Direttore Sportivo, dicendoci che cos’è e quali sono i suoi compiti. La maggior parte delle persone pensa infatti cha il Direttore Sportivo sia solo quello che compara e vende i giocatori. In realtà riveste un ruolo ben più ampio perché dovrebbe garantire  alla proprietà una conduzione tecnica ma, al tempo stesso, stare attento al discorso economico, in modo che questi due aspetti viaggino insieme in modo parallelo. I corsisti hanno seguito? Cosa le hanno chiesto? Come dicevo, è stata una bella lezione, le domande hanno posto l’attenzione sulla conduzione tecnica del Direttore Sportivo. E’ stato evidenziato come questa figura sia una figura intermedia tra i calciatori e soprattutto l’allenatore con la proprietà. In questo senso è venuto fuori come questa funzione intermedia sia una sorta di collante molto importante, per la quale, a volte, bisogna darsi anche dei pizzicotti e fare finta di non vedere. Cosa pensa di questi corsi? Sono sicuramente molto importanti ed utili perché, tra le tante, consentono ai Direttori Sportivi più esperti di condividere con i più giovani informazioni e suggerimenti per non fare certi errori. E questo perché il calcio è cambiato: prima non c’erano i procuratori, adesso ci sono; prima non c’era la Legge Bosman, adesso c’è. Non c’è più la proprietà del giocatore, si devono valutare tante situazioni, a partire, ad esempio, dai contratti e i Direttori Sportivi devono cercare di tutelare la società e fare in modo che il calciatore pagato non venga perso a parametro zero. Qualche suggerimento per i prossimi corsi? Io dico che va messo il punto sulla professionalità delle persone, specialmente nell’interferenza tra procuratori e società. Non so se sia vero, ma leggendo che il Real Madrid, nell’acquisto di Pogba, dovrebbe riconoscere 25 milioni di Euro per l’intermediazione del procuratore, allora trovo che tutto ciò sia quanto molto eclatante.

Back To Top