skip to Main Content
Via De Marchi 4/2 - 40123 - Bologna +39 051 580281 info@adise.eu

Tra nozioni, esperienze e prima gavetta: intervista a Gianfranco Serioli

Tra Nozioni, Esperienze E Prima Gavetta: Intervista A Gianfranco Serioli

Tra le lezioni più apprezzate dei Corsi per Collaboratori vi sono sicuramente quelle di Gianfranco Serioli, consulente ADISE in materia di previdenza, che intervistiamo in occasione del Corso di  Prato. Gianfranco, cosa ne pensi di questi corsi di formazione? Sono molto importanti perché la formazione deve partire per forza dal basso. Credo che possa essere il primo passo per quello che potrebbe essere una carriera anche da dirigente del mondo professionistico. E’ difficile immaginare, come per i calciatori, una partenza dall’alto senza avere delle nozioni, esperienza e, come si diceva una volta, una certa gavetta. Qualsiasi ruolo, dal calciatore all’allenatore ed al dirigente, è determinante se alle spalle ci sono esperienze e conoscenze. Per forza di cose questo percorso deve partire dal mondo dilettantistico che è quello più vasto, con più sfaccettature e che regala delle esperienze insostituibili. Di cosa parli nelle tue lezioni? Normalmente parlo di previdenza, della quale mi occupo anche professionalmente, e di fisco con particolare attenzione alla somme percepite nello svolgimento dell’attività dilettantistica. Al Corso di Prato faccio anche una lezione sull’Associazione Calciatori e sul ruolo di quest’ultima rispetto al mondo dei dilettanti, per tratteggiare il rapporto tra questi due importanti protagonisti del calcio italiano. Questi corsi potrebbero essere migliorati? Dalle interviste che faccio con i corsisti devo dire che sono corsi ottimi e ben organizzati. Qui a Prato, ad esempio, c’è un ragazzo che  viene da Brescia, facendo quasi tutti i giorni avanti ed indietro. E mi ha detto che viene perché è importante la conoscenza di base: una testimonianza che è un ulteriore quanto significativo paramento nella valutazione di questi corsi. Tutto è migliorabile ma, conoscendo la maggior parte dei docenti, non posso che ribadire come si tratti di esperienze formative di alto livello.

Back To Top